Create
Learn
Share

Scritti Igiene

rename
seredriu's version from 2018-01-24 21:48

Capitolo 1

Question Answer
A parità di Sensibilità e Specificità nello ScreeningVPP varia con la PREVALENZA
RAP%Frazione eziologica di Miettinen per utile intervento sanità
[Ipop - Eexp-/Ipop] x 100RAP%
Studi trasversaliInterpretazione errata fattori causali
VPPse basso implicazioni psicologiche
Fallacia ecologicadati epidemiologici geografici all'individuo
Negli studi descrittivinon si riesce a risalire ai fattori eziologici
RAE%[(Iexp+)-(exp-)/Iexp]
RAPIpop-Iexp-
Studi sperimentalisoggetti a contaminazione e cointervento
Valutazione efficacia interventi di prevenzionestudi sperimentali
Rapporto standardizzato di mortalitàn°decessi osservati/attesi
Necessario per standardizzazione direttastruttura per età popolazione di riferimento + della popolazione standard + tassi di mortalità
VPPrapporto realmente malati/tutti i positivi (VP/VP+FP)
Necessario per standardizzazione indirettastruttura per età popolazione in studio, n° morti nelle due popolazioni, tassi di mortalità popolazione standard
Studi di coorterilevazione fattori non influenzata da presenza malattia
Sbagliata sui VPNrelazione con prevalenza
VPNVN/VN+FN
Studi caso controllo retrospettivivaluta esposizioni ripetute rare
Quinto livelloanalisi decisionale
Errore casualeentrambe le direzioni
Criterio nesso di causalitàreversibilità
Screening colon rettoimportanza VPN
Valutazione rischio migliorestudi longitudinali prospettici
ORcaso esposto x controllo non esposto/caso non esposto x controllo esposto
Case-mixgruppi di pazienti-ricoveri omogenei
Clustergruppo omogeneo di soggetti
Criteri nesso di casualitàplausibilità biologica
Caso controllomigliori studi per bassa incidenza
Studi di prevalenzaerrata valutazione fattore
Screening dipende dasensibilità e specificità
Metanalisistudi di coorte e caso controllo + RCT + studi non pubblicati
Limiti studi trasversalicalcolo incidenza
Non si esegue il follow up sulongitudinali
Caso controllo numeri controlli sempre uguali a casi
Svantaggi studi longitudinali retrospettivi-prospettivi+ lunga durata
% ammalati di influenzaprevalenza periodica
Se ho Iexp+ e Iexp-RR e RAE
memorize

 

Question Answer
Valutazione efficacia prevenzioneStudi sperimentali
Ipop-Iexp-/IpopRAP
Per valutazione distribuzione fenomeni sanitarilongitudinali
Campionamento casualestudi trasversali
VPNVN/VN+FN
Rapporto standardizzato di mortalitàn°decessi osservati/attesi
Screening colon rettoVPN
Fallacia ecologicadati geografici ad individuo
Valutazione rischio migliorestudi longitudinali prospettici
Criterio nesso di casualitàreversibilità (o plausibilità biologica)
Malattie cronicodegenerativefattori di rischio azione sinergica ed esponenziale
Scheda di dimissionetutte
Screening colon rettovalidità da prevalenza
Fallacia ecologicadati geografici all'individuo
Per la programmazione sanitariastudi trasversali
VPPrealmente malati/tutti i positivi
FEIpop-exp-/Ipop x 100
Studio per efficacia prevenzione sperimentale
Errore casualeentrambe le direzioni
FR fumosinergismo
RAEIexp+-exp-
Caso controllomigliori studi per bassa incidenza patologia
Screeningsensibilità e specificità
Prevenzione malattie cronico-degenerativefumo 75-85% + estrogeni aumentano HDL
Valutazione assistenza sanitariaanalisi costi-benefici su decisioni cittadino + costi-efficacia su indicatori calcolabili + costi-utilità su basi oggettive
Causa di morte a maggiore rilevanzaIniziale
Clustergruppo omogeneo
Follow upstudi longitudinali
FR cardiovascolariattività fisica come rapporto MET a riposo/basale + omocisteina + intensità
Valutazione assistenza sanitariacosti-benefici
Prevalenzaerrata valutazione fattore
VPPvaria con prevalenza malattia
FE MiettinenRAP%
Studi descrittivino fattori eziologici
memorize

Capitolo 2

Question Answer
1997accreditamento
ASLalmeno 3 dipartimenti di alta specialistica
Valutazione dirigentitrasparenza, partecipazione, conoscenza diretta
Dipartimento prevenzionedipende dalla ASL + medicina veterinaria
Sorveglianza sanitariaprevenzione primaria da parte del medico
BeneficioBN = R + B - CD - CI
Case-mixpazienti-ricoveri omogenei per prestazioni erogate
Risk managmentprobabilità accadimento x gravità conseguenze + protezione vari tipi di rischio
Accreditamentolista per il tariffario nazionale
Costi utilitàQALY
Non è funzione dipartimento di prevenzionecontrollo medici medicina generale (Distretto Sanitario!)
229/99dipartimento di prevenzione unità operativa ASL
Valutazione dirigentinucleo di valutazione
Risk managmentresponsabilità tutti gli operatori
Ospedali non riconosciutipresidi delle ASL
Ospedali non riconosciutiautonomia economico-finanziaria + contabilità separata ASL
Budget 81/08 + ASL organo vigilanza + sicurezza lavoratori
SDODRG
ASLcontinuità assistenziale
ReNCamal Comune
Presidi ospedalierifanno capo alle ASL
PSN833/78 + LEA
Strutture ASLDipartimento di prevenzione unità a sè stante
Medico generaleconsueling
SVAMAadulto e anziano
PSR502/92
memorize

 

Question Answer
Nella sicurezza sul lavoro i fattori psicologici (ergonomici)rischi trasversali
81/08 (ex 626/94)ASL organo vigilanza + medico competente è responsabile + datore non tiene conto opinioni
Dipartimento prevenzioneautonomia contabile ed organizzativa
Medico generaleconsueling
Dipartimento prevenzionedipende dalla ASL + medicina veterinaria
Monitoraggio ambientalerischio sull'ambiente di lavoro
Accreditamentonon implica autorizzazione
81/08sicurezza sul lavoro
Scheda B SVAMAvalutazione cognitiva ed funzionale
PAI (Piano Assistenza Individuale)compilato da UVI, strumento della presa in carico
Dipartimento prevenzioneNON con 502/92
Componenti UVIMMG + infermieri + psichiatra
NON funzione dipartimento prevenzionecoordinamento medici medicina generale
Distretto sanitariocontabilità a parte
Non ultimo decretoospedalizzazione a casa
Accreditamentoobbligatorio
ReNCamistituito ed aggiornato dalla ASL
152/06sicurezza ambientale
Scheda di morteISTAT
Scheda riassuntiva SVADMIsezione F
Livelli ADI3
PUAPorta Unica di Accesso
Azienda ospedalieraalmeno tre dipartimenti prevenzione
Per evitare contagio nell'assistenzaDPI
Valutazione dirigentida nucleo valutazione
ASLcontinuità assistenziale
Valutazione assistenza sanitariacosti-beneficio su cittadino, costi- efficacia su indicatori in maniera oggettiva, costi-utilità su indicatori su basi oggettive
Medicina del territoriopresa in carico NON è ultimo step
Datore di lavorosceglie medico competente
Nell'assistenza domiciliare non inclusiinterventi prestazionali
Valutazione assistenza sanitariacosti benefici
memorize

Capitolo 3

Question Answer
Cambi d'aria in sala operatoriapiù di 15
Ricambi d'aria in sala parto6
Contaminante più comune aria confinataS.Salivarius
Sala operatoria a flusso turbolentoPPD
PM 2,5è il 45-60% di PTS
VCCC>99,97%
TLV - TWA40 ore x 8 giorni
TLV - Cmai
Rischo chimicometodo diretto ed indiretto
CO2perdita di coscienza quando >15%
Falso che UTAprevenzione ambientale
Flussi d'aria sala operatoria - parto - degenza16 - 6 - 2
Maggiore inquinante indoorformaldeide
Esposizione massima per non più 15' x 4TLV-STEL
Effetti cronici benzenenon su SNC
Benzenetossico x SNC
Limiti NO2100 ppm se prima 1989
NO2combustione motori a scoppio
NO2vie respiratorie profonde
CFU sala operatoria A RIPOSO FLUSSO LAMINARE
CFU sala operatoria IN ATTIVITA' FLUSSO TURBOLENTO<180 UFC
Formaldeide e acetaldeide secondari aOzono
Anidride solforosainquinante secondario + rischio asmatici e bronchiolitici + tratto respiratorio superiore
Frazione inalabilealte vie respiratorie
Nitriticontaminazione recente
Vantaggio monitoraggio biologicopiù prolungato
PM 2,5riduzione clearance mucociliare
Nitratimetemoglobinuria infantile
PM inalabilePM tra 2,5 e 10 + prime vie respiratorie
PPD con VMP -0,5/+0,5
Fumocausa 70-90% carcinomi polmonari
Rottura membrana timpanica>160 dB
memorize

 

Capitolo 5

Question Answer
Fenolidisinfettanti media efficacia
Ferite lacero contuseperossido d'idrogeno
Disinfezione sporeEtO
Per valutare efficacia sterilizzazionespore
Disinfezione endoscopiglutaraldeide
Copertura vaccinale dipende darischio effettivo + tempo di contagiosità + probabilità trasmissione
Sterilizzazionemetodi chimici e fisici
Disinfezioneeliminazione saprofiti e patogeni
Tossinfezionisia in caso sporadico che endemico
Ebolizzione 100° x 30'Disinfezione
Per valutare sterilizzazionebacillus stearothermophilus + subtilis + nastri adesivi
Eliminazione sporesterilizzazione
Obbligo di permanere in un determinato luogocontumacia
Sterilizzazione autoclave121° x 10-15 min
Obbligo domiciliare infettiisolamento
Sterilizzazione a secco160° x 2 h
Obiettivi programma vaccinaleeliminare malattia da regione + ridurre incidenza + evitare complicanze
Vaccinipreparati biologici
Composti fenolicidisinfettanti intermedi
Sterilizzazioneacido paracetico x 30'
Endoscopio a fibre otticheacido peracetico
Sterilizzazione160° x 2 h
memorize

 

Question Answer
Influenza pandemicanotifica classe 1
Vaccino antinfluenzaleemoagglutinina + neuroaminidasi
Sierotipo vaccino influenzaH e N
Durata vaccino influenzameno di un anno
Vaccino influenzaa subunità e vivo attenuato
Vaccino vivo influenzaparti virali purificate
Ag S virus influenzalinucleoproteina
Notifica rosoliasempre obbligatoria
Rosoliarubivirus
Rosoliaclasse 3 + immunizzazione attiva + passiva
Virus Rubeolico infettasolo l'uomo
Rosolia congenitaclasse 3
Rosolia congenitaisolamento respiratorio neonato
Profilassi rosoliaimmunizzazione attiva + passiva + notifica classe 3
Morbillo5 giorni isolamento dopo esantema + vaccino entro 72 h + disinfezione ambientale
Morbillovia transplacentare
Profilassi difteriteclasse 1 + isolamento
Vaccino con anatossinadifterite
Isolamento strettovaricella + difterite
Meningite meningococcicaclasse 2
Isolamento meningite24 ore
Meningite meningococcicavia inalatoria + nasofaringe portatori sani
Meningite meningococcicacontagiosità si interrompe dopo 24 ore terapia
Meningite meningococcicaprevenzione con rifampicina + isolamento respiratorio + notifica classe 2
Meningite meningococcicasorveglianza di 10 gg + isolamento respiratorio + notifica classe 2
N. Meningitidisnasofaringe portatori sani
Neisseriaportatori in cavo orale
Disinfezione terminalemeningococco
Chemioprofilassi primariacontatti con meningite meningococcica
Chemioprofilassi primariatubercolina - + meningite meningococcica
Vaccino anti-pertossetossina inattivata + pertactina + emoagglutinina filamentosa
Parotite epidemicaparomyxoviridiae
Diagnosi LegionellosiIg Ag urinario
Serbatoio Legionellatorri di raffreddamento
Trasmissione Legionellosirete idrica
Legionellosi nosocomialipaziente ricoverato da almeno 10 gg
Legionellosidisinfezione ambientale
TBCclasse 3
Tubercolosi latentetubercolina +, no esami e sintomi
Test tubercolina+ x latente + immunizzazione con BCG
Test tubercolina+ latente + - < 6 mesi
Notifica obbligatoriatubercolosi
Vaccino tubercolosivivo e attenuato
Vaccino tubercolosiM.Bovis
Trasmissione varicellagocce di Flugge
Varicella5 giorni isolamento
Vaccino varicellavivo attenuato
Prevenzione varicellaisolamento stretto
Disinfezione terminalevaricella
Trasmissione aereavaricella + parotite + meningite
HPVcontatto diretto
Trasmissione papillomaviruscontatto diretto, sessuale, canale del parto
Pediculosiclasse 4
Serbatoio pediculosiuomo
Vaccino PolioSalk in 4 dosi (3, 5, 11 mese e 6 anni)
Vaccino Polioinattivato potenziato in 4 somministrazioni
Incubazione poliomelite7-14 gg
Epatite Avia oro-fecale
Trasmissione epatite Aenterica
Vaccino epatite Ainattivato con formaldeide
Epatite Avaccinazione sempre obbligatoria
Epatite Anotifica obbligatoria
Epatite Aanitterico nei bambini
Serbatoio salmonellapollame
Salmonellosi non tifoidiclasse 2
Salmonellosi non tifoidisolo epidemici
Salmonellosi non tifoidipastorizzazione uova
Scarlattinagoccioline di Flugge
Contatti febbre tifoideosservazione per un mese
Profilassi febbre tifoidechemioprofilassi + isolamento + disinfezione alimenti
Profilassi febbri tifoidiisolamento enterico malato
Febbre tifoideadolescenti e giovani
Flusso informativo coleraclasse 1
Vaccino virus attenuatocolera
AIDSclasse 3 NON OBBLIGATORIA
Sano positivo HbsAgportatore cronico
Profilassi nati da madre HbsAgimmunizzazione attiva e passiva
Epatite Bcronicizza in un'alta percentuale di casi
HbsAgcronocizzazione
HBVportatore precoce + cronico + convalescente
HBV+ resistente
HBVvia verticale
HBVparenterale + materno-fecale + verticale
HCVvirus a RNA + classe 2 + trasmissione verticale 6%
Classe 1tetano
Vaccinazione tetanoogni 10 anni
Tetanoobbligo denuncia
Profilassi tetanovaccino + Ig per storia vaccinale incerta
Anti tetanicase vaccinazione da più di 5 anni
Isolamento tetanoassente
Scabbiaclasse 4 + isolamento fino a 24 h + disinfezione biancheria lettericci
Scabbiapossibile contagio interumano
Scabbiaincubazione 2-3 sett + contatto indumenti
Scabbiaisolamento 24 h + classe 4
Morso animaledisinfezione entro un'ora con alcol etilico + Ig locali + isolamento cane
Incubazione rabbia2-4 settimane
Terapia Ig perrabbia + tetano + HBV
Sieroprofilassi4-6 settimane
Trasmissione brucellosiinalazione in stalle + tessuti infetti + cibi contaminati
Infezione animale lattiferoBrucella
Profilassi brucellosiabbattimento animale infetto
Leishmaniosipunture insetti
Leishmaniosi visceralecane
Vettore Leishmaniosiflebotomi
Toxoplasmositramite acqua e verdure + carni crude o poco cotte + via verticale
Toxoplasmosiclasse V
Tempo medio incubazione malaria10 - 20 gg
Infezioni assistenzacatetere urinario + cardiaco + ventilazione assistita
Misura più efficace prevenzione infezioni ospedalieresterilizzazione strumenti
Metodo più razionale prevenzione infezioni ospedalierecontrollo sterilizzazione
Incubazione stafilococco30 min - 8 h
Infezioni comunitarie48 h incubazione
Fattori di rischio infezioni neonataliprematuro + peso + permanenza in ospedale
memorize