Create
Learn
Share

Inglese commerciale - PARTI 4, 5

rename
fegamobu's version from 2015-06-06 14:07

Foreign trade [commercio estero]

Question Answer
IMPORT[IMPORTAZIONE]: riguarda la vendita di beni introdotti in un paese dall'estero. può essere di 2 tipi
Import on consignment[in deposito] le merci vengono acquistate senza avere già in mente un acquirente ben preciso. Vengono quindi consegnate dall’esportatore straniero ad un importatore che si occupa della vendita dei beni, in genere tramite borse merci [commodity exchanges] (la London Commodity Exchange è la più importante del Regno Unito). Il documento utilizzato è la fattura proforma [pro-forma invoice], dove non è specificato il nome del destinatario. la fattura contiene dettagli sul peso, prezzo e valore della merce e sull’ammontare delle spese che il destinatario deve pagare (es: nolo, assicurazione, diritti di bacino (o di dock) [dock dues])
Import in response to definite orders[in risposta a precise ordinazioni] da parte di uno o più acquirenti.]
Dealing with goods on arrival[arrivo delle merci]: Quando una nave proveniente dall’estero arriva in un porto occorre espletare alcune formalità: entro 24 ore dall’arrivo in porto il comandante della nave [master of the ship] deve fornire all’autorità portuale [port authorities] una dichiarazione di entrata [ship’s report], dove si forniscono i particolari della nave, del suo equipaggio [crew], degli eventuali passeggeri e del suo carico [cargo]. Prima di poter rimuovere le merci dalla nave, l’importatore deve riempire, a seconda delle circostanze, uno dei seguenti moduli per gli ufficiali doganali (o doganieri) [customs officers]: entry for free goods/for home use/for warehousing (=bolle)
Entry for free goods[bolla d’entrata di merce esente da dazio]: documento usato quando viene importata merce che non è soggetta a dazio doganale [customs duty]
Entry for home use[bolla doganale di merce soggetta a diritti doganali]: documento usato per beni soggetti a dazio doganale quando l’importatore vuole rimuovere subito la merce dalla banchina d’imbarco
Entry for warehousing[bolla di accompagnamento in deposito doganale]: documento utilizzato per merci soggette a dazio doganale quando l’importatore non vuole togliere subito la merce dal porto ma la vuole mettere in un magazzino doganale [bonded warehouse]. In questo caso il dazio verrà pagato solo quando la merce verrà tolta dal magazzino. Mentre sta in magazzino la proprietà della merce è determinata dalla nota di pegno (o fede di deposito) [warehouse warrant], che è un documento negoziabile, cioè tramite questa nota la proprietà della merce può passare da una persona all’altra anche se la merce non viene spostata dal magazzino.
Customs drawback[rimborso del dazio doganale]: quando viene pagato il dazio doganale per merci che verranno riesportate in un secondo momento, è possibile richiedere un rimborso. Il pagamento del dazio doganale per merci da riesportare può essere evitato nel caso in cui il porto di arrivo sia un porto franco [free port].
EXPORT[ESPORTAZIONE]: Riguarda la vendita di beni e servizi a Paesi stranieri. Nella bilancia dei pagamenti [balance of payments] di un Paese le esportazioni permettono di pagare le importazioni di quel Paese.
Visible exports[beni visibili]: sono beni tangibili [tangible commodities], che vengono venduti all’estero (per es. i manufatti [manufactured goods]).
Invisible goods[beni invisibili]: sono i servizi resi ad altri paesi in considerazione di un pagamento in denaro. (per es. investimenti all’estero, turismo, servizi bancari e assicurativi esteri, rimesse dei migranti).
Shipping documents[documenti per l’esportazione o per l’imbarco o d’imbarco]: Devono essere forniti dall’esportatore quando questi esegue un ordinativo all’estero [foreign order (o indent order)].
Shipping advice note[nota d’imbarco (o buono o ordine d’imbarco)]: documento inviato dall’esportatore al destinatario per avvertirlo che la merce è stata spedita [dispatched].
Bill of lading[polizza di carico]: è il più importante dei documenti di esportazione e viene emessa ai porti (o aeroporti) di carico e scarico (v. definizione a p. 7).
Export invoice[fattura per l’esportazione]: documento redatto se la merce ha già un acquirente specifico. In caso contrario, la merce viene inviata in deposito [on consignment] e il documento utilizzato è la fattura proforma [pro-forma invoice], dove non è specificato il nome del destinatario. Entrambi i tipi di fattura contengono dettagli sul peso, prezzo e valore della merce e sull’ammontare delle spese che il destinatario deve pagare (es: nolo, assicurazione, diritti di bacino (o di dock) [dock dues])
Insurance policy[polizza di assicurazione]: documento stipulato dall’esportatore se è il responsabile della merce in transito per cautelarsi in caso di danno o di smarrimento della merce stessa.
Certificate of origin[certificato di origine]: documento che può essere richiesto da alcuni paesi nei quali l’esportatore spedisce la merce e che consiste in una dichiarazione della Camera di Commercio [Chamber of Commerce] che garantisce che le merci a cui il certificato fa riferimento sono state effettivamente prodotte nel Paese indicato.
Health certificate[certificato sanitario]: documento emesso dall’autorità competente in cui si dichiara che le merci spedite (o in transito) non sono pericolose o contagiose.
memorize

Transport [il trasporto]

Question Answer
TRANSPORT (UK) o TRANSPORTATION (US)[IL TRASPORTO]: I trasporti forniscono i collegamenti essenziali tra i centri di produzione [production centres], le aree di distribuzione [distribution areas] e i consumatori [consumers]. I rami del trasporto sono tre:
LAND TRANSPORT[TRASPORTO TERRESTRE (o VIA TERRA)]
RAIL TRANSPORT[trasporto ferroviario]: le tariffe [rates] del trasporto ferroviario variano a seconda che le merci siano spedite a rischio del vettore [at board’s risk], che si assume quindi la responsabilità della loro consegna, o a rischio del (com)mittente (o destinatario) [at owner’s risk]. Le tariffe saranno quindi più alte se le merci sono spedite a rischio del vettore, perché si assume una responsabilità maggiore. Il documento utilizzato nel trasporto ferroviario (e a volte in quello su gomma) è la lettera di vettura o distinta di carico [consignment note] (v. documento n.6 in “Documenti usati nelle transazioni commerciali”). Il trasporto ferroviario è particolarmente indicato per merci pesanti o ingombranti e per il trasporto sulle lunghe distanze.
ROAD TRANSPORT[trasporto su strada (o su gomma)]: i documenti usati sono la bolla (o nota) di incasso [collection note], che viene tenuta dallo speditore [consignor], la ricevuta (o quietanza) [receipt note], che il consegnatario (o destinatario) [consignee] restituisce all’autotrasportatore [driver] (o vettore [carrier]) dopo averla firmata, e la bolla (o nota) di consegna [delivery note] (v. documento n.7 in “Documenti usati nelle transazioni commerciali”).
CANAL TRANSPORT[trasporto via canale]: il tipo di trasporto più economico per merci pesanti, ingombranti e non deperibili [non perishable] (per es. il carbone, il cemento, la sabbia e il legname).
SEA TRANSPORT[TRASPORTO MARITTIMO (o VIA MARE)] Le merci trasportate via mare possono essere portate o da navi di linea [liners] oppure da navi da carico [tramps].
LINERSLe navi di linea trasportano passeggeri e carichi commerciali (o di merci) [commercial cargoes] e operano su rotte regolari [regular routes] e secondo orari prestabiliti. Le navi di linea offrono allo speditore [shipper] il vantaggio di tariffe o rate di nolo o noleggio [freight charges] prestabilite e la libertà di spedire partite (o spedizioni) [consignments (o shipments)] di dimensioni grandi oppure piccole.
TRAMPS[NAVI DA CARICO], sono navi noleggiate (o a nolo) [chartered ships] che in genere non trasportano passeggeri, ma salpano quando e dove ottengono un carico di merci. Non operano su rotte regolari e il proprietario della nave (o armatore) [owner of the tramp o shipowner] e lo speditore [consignor (o - in questo caso meglio – shipper o sender)] concordano la tariffa tramite contrattazione [bargaining]. Quando l’armatore e il noleggiatore (charterer o freighter) raggiungono un accordo, stipulano un contratto di trasporto marittimo [contract of affreightment], documento sotto forma di polizza di carico [bill of lading] o di contratto di nolo o noleggio [charter party], che dovrà contenere anche le indicazioni relative alle parti, alla nave, alla rata di nolo, al carico, ai porti di caricazione e scaricazione e alla durata.
shipping agent[spedizioniere]: è un agente specializzato in spedizioni in relazione all’esportazione e all’importazione di merci: provvede al disbrigo di tutte le pratiche relative alle procedure di importazione, esportazione e trasporto, inclusa la preparazione dei documenti d’imbarco, delle polizze di assicurazione, dei documenti doganali e il reperimento di spazio di carico sulle navi in partenza. Alcuni spedizionieri marittimi sono collegati a particolari compagnie di navigazione, per le quali svolgono anche le funzioni di sensali marittimi.
shipbroker[sensale marittimo]: è invece un agente nominato dall’armatore quale intermediario tra una compagnia di navigazione e i noleggiatori delle sue navi. Per le navi che rappresenta, il sensale procura carico e passeggeri, emette polizze di assicurazione sul carico, stabilisce le date di spedizione e l’ammontare del nolo, emette polizze di carico e contratti di noleggio.
memorize

 

Question Answer
SHIPPING DOCUMENTS[DOCUMENTI PER IL TRASPORTO MARITTIMO]
Bill of lading[polizza di carico]: documento o titolo rappresentativo delle merci caricate su una determinata nave in forza di un contratto di noleggio [charter party] o di un contratto di trasporto [contract of affreightment]. Nel caso della polizza di carico, un titolo “rappresentativo” [document of title] significa che il (legittimo) possessore del documento ha diritto di farsi consegnare la merce all'arrivo: quando viene trasferita al destinatario, la polizza di carico attesta quindi il suo diritto di proprietà [title] sulla merce. È solitamente un documento "all'ordine" che si trasferisce mediante girata "endorsement" (proprio come un assegno). Questa caratteristica consente di trasferire una o più volte la proprietà della merce durante il viaggio e fino all'arrivo a destinazione. Nella polizza di carico vengono specificati nome dello speditore, data e luogo dell’imbarco, nome e destinazione della nave, descrizione del tipo e della destinazione delle merci e la tariffa che deve essere pagata per il nolo. La polizza di carico deve essere redatta in triplice copia: una per lo speditore, una per il capitano della nave [(ship)master] e una per il destinatario [consignee].
Charter party[contratto di noleggio]: il contratto con cui l’armatore [shipowner] concorda con lo speditore [shipper] di noleggiare una sua nave o parte di essa per trasportare merci per un periodo di tempo o per un singolo viaggio in considerazione di un corrispettivo in moneta chiamato nolo [freight]. La persona che acquisisce l’uso della nave viene chiamata in questo contratto noleggiatore [charterer] (noleggiare una nave = to charter a vessel).
Time charter[contratto (di noleggio) a tempo]: la nave a nolo viene concessa in uso per un periodo di tempo prestabilito.
Voyage charter[contratto (di noleggio) a viaggio]: la nave viene noleggiata per un determinato viaggio.
AIR TRANSPORT[TRASPORTO AEREO (o VIA AEREA)]: Il trasporto aereo è indicato per merci di alto valore (per es. gioielleria, articoli di moda) o deperibili [perishable goods]. I noli aerei [air freights] costano a seconda del tipo, del valore, delle dimensioni, del peso e della meta di destinazione dei beni trasportati. Il documento utilizzato nel trasporto aereo è la polizza di carico aerea [airway bill], che viene redatta in triplice copia: una per il vettore [carrier], una per il destinatario (o consegnatario) [consignee] e una per lo speditore (o mittente) [consignor]. La polizza di carico aerea non è un titolo rappresentativo: il possesso da parte del destinatario non dà quindi luogo alla proprietà della merce. Il trasporto aereo viene effettuato con due diversi tipi di voli: Scheduled services (o flights) [servizi regolari (o voli regolari o voli di linea)]; Non-scheduled services (o charter flights) [voli charter (o voli a nolo o voli non di linea)]
memorize